Quando la fede quanto un granello di senape dà una forza enorme

Le persone che potevano ricavare qualche oggetto utile da un pezzo di legno, venivano talvolta chiamate carpentieri. Lavorarono faticosamente su pezzi di legno, creando squisiti oggetti fatti a mano. Nel corso del tempo, da artigianato, la scultura in legno si è evoluta in un'arte che riesce a trasformare un pezzo di legno grezzo in vera poesia. Le persone che avevano il talento e la pazienza hanno portato la scultura in legno alla perfezione. Arte in cui l'anima dell'incisore è completamente incorporata, la tradizione delle persone a cui appartiene e lo spirito del tempo in cui crea.

La Macedonia oggi è una ricco scrigno di monumenti realizzati nella scultura in legno, nonostante grandi saccheggi, distruzioni e rovine nel corso dei secoli. I scrittori di viaggi che passavano per la Macedonia avevano notato che icone, vecchi manoscritti, libri, porte reali intagliati erano ampiamente esportati ... Tutto ciò è irreversibile, eppure la Macedonia è ricca di sculture in legno create attraverso i secoli e la tradizione continua ancora oggi ... Alla ricerca degli apologeti della tradizione, abbiamo raggiunto la casa della famiglia di falegnami Milevi a Kavadarci e abbiamo ascoltato la storia del maestro Marjan.

Alla ricerca di qualcosa... 

Marjan è nato il 24 marzo 1964 a Kavadarci. Suo padre è di Kavadarci e la madre di Tresonce, Lazaropole. Suo padre era falegname, carpentiere. Fin dalla prima infanzia, il piccolo Marjan ha aiutato suo padre nella realizzazione di molti oggetti in legno: armadi, ripostigli, sedie, tavoli e così via.

Da parte di mia madre, secondo gli anziani di Lazaropole, il mio bisnonno è Gjurchin Kokale (1775-1863), uno dei primi revivalisti e socialisti macedoni. Ha creato la prima scuola nel 1861, dove sono stati educati tutti gli abitanti di Lazaropole. Era un duca e un protettore dei cristiani, e il suo grande merito era che aveva convertito molti cristiani islamizzati al cristianesimo. Tra le altre cose, ha aiutato anche con la pittura. Secondo gli anziani, alcuni antenati del nostro interlocutore praticavano anche affreschi e sculture in legno. Mio nonno Giorgi (il padre di mia madre) era un muratore, uno dei migliori di Tresonce, che lavorava per Knez Mihajlova a Belgrado e lavorava con il legno. A causa della guerra e del pericolo dei balisti, era dovuto fuggire a Kavadarci. Mio padre è uno dei primi falegnami a Kavadarci. Da bambino, ho saputo lavorare con scalpelli e macchine, dice Marjan.

Il suo primo tocco con la scultura in legno era intorno al 1990

In quel periodo si restaurava il monastero di “Sv. Spas” (San Salvatore) situato sulla collina sopra la città di Kavadarci. Di fronte a “Feni”, verso a Rosoman a sinistra, si può vedere il monastero. Non sapevo che San Salvatore fu Gesù Cristo risuscitato... Quando ho chiesto di acquistare un'icona per salute, felicità e benessere nella mia casa, mi hanno chiesto soldi che non avevo in quel momento. Quindi ho disegnato l'immagine di Gesù Cristo e l'ho regalata al monastero, ricorda Marjan.

Ammette di essere sempre stato molto bravo a disegnare. Perché, come dice, se non sai disegnare, non puoi nemmeno intagliare.

I falegnami che hanno imparato la tecnica e non sanno disegnare, sono deboli. Di solito, prenderemo un righello, lo metteremo sull’opera tutta piatta. Quindi, non c'è profondità, l’opera non respira. Continuo a dire, se vuoi essere falegname, guardati il naso, è il più prominente, poi la bocca e le altre parti ... Ecco come ci orientiamo e valutiamo sé stessi se siamo di qualità o meno.

Torniamo un po' indietro nella conversazione. Prima di iniziare a intagliare, Marjan aveva avuto visioni, come aveva sentito dagli anziani, di un santo dalla barba bianca. Il santo gli parlava mentre giaceva in un tempio, con pavimenti in pietre incise e accatastate. All’inizio gli parlava lentamente, poi sempre più forte, finché non gli aveva gridato e si era svegliato:

Succede tutto dalle 23 all’1 di mezzanotte, quasi ogni giorno, nel periodo di uno o due anni. Come mi dicevano gli anziani, avrei portato olio, una maglietta, un asciugamano ... un regalino per la chiesa. Nonostante tutto ciò, non smettevo di sognare.

All'epoca Marjan lavorava come ingegnere della protezione antincendio e come esperto di sicurezza presso la Cantina Tikves.

In quei primi anni '90 del secolo scorso, come oggi, per l'Epifania si  stava gettando una croce nella piscina della città. L'11 gennaio, mentre ero al lavoro, ho chiesto al direttore Pance Filipov di lasciarmi andare a casa. Mi ha chiesto: perché? Non sapevo cosa rispondere. Mi ha lasciato andare.

Quando era tornato a casa, aveva visto il prete della chiesa "St. Dimitrija "di Kavadarci tenendo in mano l'icona dipinta e chiedendosi chi l'ha fatta. Gli aveva detto che era lui stesso. Il prete gli aveva chiesto se poteva fare una croce che sarebbe gettata in piscina. Marjan aveva confermato, ma non sapeva che aspetto avesse la croce.

Passavo per la chiesa ogni giorno, ma non sapevo esattamente che aspetto avesse la croce. Alcuni sono dritti, altri sono rotondi, c'è differenza tra la croce ortodossa e quella cattolica ... Fino ad allora, non ero credente, non andavo in chiesa, non eravamo nemmeno sposati in chiesa con mia moglie Mina. Studenti di Tito ...

Aveva chiesto di vedere che aspetto avesse la croce, il sacerdote lo aveva portato in chiesa e gli aveva mostrato una croce di gesso con la figura di Gesù. Il prete pensava solo a una croce normale.

Sono tornato al lavoro e ho chiesto al direttore di darmi dei giorni liberi, non gli ho detto la ragione, perché mi vergognavo. Mi ha dato giorni liberi e ho iniziato a lavorare sulla croce per "St. Dimitrija. ”Mi ci sono voluti tre giorni e tre notti per finire la croce.

Non dormiva affatto, che fino ad oggi non riesce a spiegare quella forza interiore. Aveva fatto la croce con tre scalpelli e nella notte quando, secondo le credenze, doveva essere consacrata, l’ha portata in chiesa.

Il sogno che mi ha tormentato per molto tempo è svanito, e sono diventato un credente con un cuore puro e pieno di fede, amore e speranza, ma anche con grande gratitudine per essere sano e salvo.

Quella sera, Marjan dormiva tranquillamente e da allora si è reso conto che Dio sta accanto a lui. Ha perso la paura della morte e di tutto il resto.

Ho una tale forza in me che molte persone pensano che io sia ingenuo. L'ingenuità non ha nulla a che fare con la bontà. Mi sono reso conto che il punto non è se sei religioso o meno ... Anzi, andiamo tutti in chiesa, facciamo il segno della croce ... È importante avere fede, credere che qualcuno ti protegga . È una sensazione molto bella. Appunto per questo ho iniziato a intagliare. Io solo mi immergo e mentre intaglio, dico sempre la preghiera. Non vedo nemmeno cosa sto facendo. Le persone non mi credono. Semplicemente non vedo, non posso spiegare loro che non vedo, la forza mi guida.

Ritorniamo ancora un po' di nuovo... Marjan ha provato a scolpire il viso di Gesù Cristo e ci è riuscito, questa è la sua prima icona.

Un giorno era venuto il nonno del boxer Ace Rusevski e gli aveva ordinato  La Cena Segreta. Marjan, che fino a quel momento aveva fatto solo un'incisione superficiale di Gesù Cristo, aveva affrontato una grande sfida, chiamata la Cena Segreta.

E avevamo bisogno del legname, non avevamo i soldi per comprare legname di cui avevamo bisogno per altri lavori di falegnameria. Il nonno di Ace mi dice: nessun problema, te la procureremo noi. La Cena Segreta era pronta per due mesi e lui era molto contento. Avevamo sistemato due metri cubi e lui ci ha portato sei. E così abbiamo ottenuto il legname per le nostre cose di falegnameria e lui aveva preso la sua icona.

Marjan ci ha raccontato un'altra storia ... Un suo amico, un ingegnere meccanico i cui figli si sono laureati in enologia in Bulgaria, ha voluto ringraziare i professori facendogli un regalino.

Eravamo seduti qui con lui sulla terrazza fino alle 11 di sera, avrebbe dovuto partire per la Bulgaria il giorno dopo alle 7 di mattina. Gli ho promesso che entro quell’ora , gli avrei fatto due icone con la Vergine. Prima dell'orario concordato, ero di fronte alla sua casa e gli ho detto: Blazo, ti sto portando le icone - hanno ancora l'odore di vernice, ma sono pronti.

Ci sono stati molti altri ordini di icone e altre sculture in legno. Le più numerose erano le icone che Marjan ha creato in un colpo. Erano spesso doni ad amici e conoscenti più stretti, i cristiani, che credevano che l'icona, o il santo, sarebbe stato il guardiano della felicità, della salute e del benessere nelle loro case.

Secondo Marjan, dare icone a persone e amici li aiuta a trovare la serenità e la benedizione, e con ciò diventa mentalmente più ricco e più felice,  perché ottiene nuovi amici:

Se dai qualcosa a una persona e sai che ne è felice, è una bella sensazione, no? Questo mi rende molto felice. Ogni amico è un dono di Dio e dovrebbe essere amato. Più amici hai, più ricco e felice sei in questa unica vita data da Dio.
 

L'ispirazione e il desiderio di Marjan per la scultura in legno si sono approfonditi dopo la sua visita alla chiesa di "St. Spas"a Skopje, dove l’ha semplicemente portato la forza interna.

Dopo aver visto l'interno del tempio, ero improvvisamente illuminato. La visione dei sogni - era qui, le pietre su cui giacevo, tutte le incisioni che vedevo nelle mie visioni ... erano qui. Miracolo! Fino ad allora, non sapevo nemmeno dove sia "St. Spas ".

Da allora, ha saputo che la sua vocazione è l’ntaglio, spesso con motivi religiosi. Nella chiesa aveva conosciuto il suo caro amico, già deceduto, Sokole, uno dei decani per il restauro di antiche sculture in legno in Macedonia.

Si diceva che Sokole fosse la persona più inaccessibile. Nella chiesa, Marjan stava accanto a lui e osservava. All'improvviso Sokole aveva ordinato a Persa Bilinska, curatrice di St. Spas, di preparare due caffè e portare due grappe, per il ragazzo giovane (Marjan) e per lui.

Mi si è avvicinato e mi ha chiesto cosa volevo, ho risposto: Niente ... Mi dice che finora molti gli hanno chiesto di insegnarli a intagliare, e io non chiedo nulla ... Dice: Tu imparerai!

Marjan crede che sia una forza inspiegabile che riunisce le persone in quel ramo:

Non è successo solo a me, ma anche a molte altre persone, che li hanno fatti guadagnare la stessa fiducia quanto un granello di senape... Per guidarli in avanti ...

Da Sokole ha ricevuto tre scalpelli che tiene come ricordo ... ma anche una grande lezione - che tutto il potere e l'intaglio sono nel naso.

Perché il naso? Perché è il più prominente e da lì inizia l’approfondimento e si va sempre più profondo. Cosi semplice Sokole mi ha detto tutto. Se questo è compreso, tutto il resto è semplice.

Nel profondo del legno

Secondo Marjan, l’ intaglio è l'anima del suo creatore ed è più un'arte che un mestiere:

L'artigiano cerca solo di soddisfare il cliente e vendere ciò che ha fatto. Guardando me stesso, trovo molto difficile separarmi dai miei pezzi, perché ognuno di loro ha una parte della mia anima.

Attraverso i suoi 30 anni di esperienza di intaglio, Marjan ha guadagnato sia qualità che velocità, ma come dice, in questo stile di vita moderno, nessuno può soppravivere solo dall’intaglio come arte.

Come artigiano ho ordini e li faccio... È un mestiere. L’intaglio mi dà pace. Mentre intaglio tutto il tempo dico la preghiera e mi escludo da tutto il resto. Ci ho messo l'anima. Mi tranquillizza, mi riempie e mi dà la vita. È un’arte. L’intaglio non può essere un mestiere.

Molto spesso le sculture di Marjan sono in legno di noce, ma ci sono anche sculture in faggio, acero alpino, pino, pera, ceppo di vecchie vigne e altro. Trova più facile lavorare se l'albero è duro:

Se è morbido, si rompe e non puoi fare niente. La pera selvatica è buona, l'acero alpino anche, ma è più pesante. Ci sono molti altri alberi di qualità in tutto il mondo - dabema, mogano ... Tuttavia, il legno di noce, che dura circa 2000 anni, è il migliore. La sua fibra, non si strappa e non si spezza.

Prepara il legno su macchine da falegnameria – lo incolla e modella la forma che vuole ottenere. Una volta modellato, inizia a intagliare con una grande varietà di scalpelli.

Nel corso del tempo, Marjan era diventato insoddisfatto del metodo di intaglio e della sua profondità, che fino a quel momento era da 1 a 2 centimetri. Ha iniziato ad approfondire:

Avrei scolpito a una profondità di 1-2 centimetri, e poi rifarò l'opera andando 5-6 centimetri più profondo... Ho iniziato a cercare la plasticità nelle opere, per essere più simile possibile a ciò che volevo fare, e facendolo più profondo possibile ottiene anche più plasticità.

Aveva cominciato anche con un intaglio traforato e infine aveva realizzato figure di tutte le dimensioni: l'anno scorso aveva realizzato anche il Cavallo di Troia, alto 1,7 metri e lungo 1,4 metri. Ci ha lavorato per circa 6 mesi, martellandolo pezzo per pezzo, sottile come l'unghia. Ha usato 4 kg di spine, o circa 40.000 spine.

 Quando intaglia le icone, Marjan le presenta autenticamente. Tuttavia, i miglioramenti dell'immagine dei santi sono nella maggior parte dei casi suoi. Molto spesso intaglia uva, germoglio di vite, foglie, motivi di quercia, uccelli, ecc. Oltre agli intagli, come accennato in precedenza, Marjan produce anche molte altre opere di carpenteria (cucine, tavoli, armadi, porte, finestre, scale e ringhiere per scale, letti ...), souvenir, scaffali e scatole di vino per varie cantine e ristoranti, tra cui "Tikves", "Idadia", "Vodenica" ...

Non sa quanti pezzi abbia svolto finora. Non ha registrato.

Qui si mescolano artigianato e pezzi intagliati. Molte volte, pezzi che ho fatto prima, non li riconosco e mi chiedo se li ho fatti io. È strano! A volte con mia moglie vedremo in televisione alcuni dei nostri pezzi ...

Gli hanno chiesto perché non li ha firmati.

Io inserisco uno specifico intaglio che vale più di una firma!

Marjan considera che il suo capolavoro sia l'iconostasi della chiesa "St. Gjorgija ” (San Giorgio) a Lazaropole, ovvero le porte reali e il portale sopra di esse.

È in qualche modo primordiale che le persone siano attirate dal loro luogo di origine ...

Durante la festa di Ilinden nel 2011, la famiglia Milevi è andata a Lazaropole per visitare i parenti. Hanno anche visitato la chiesa di“St. Gjorgija ”, dove Marjan ha fatto alcune foto a sua figlia Angela davanti alle porte reali e in molti altri luoghi. Due anni dopo, nel 2013, è successa la grande rapina e distruzione della chiesa, nell'ambito di una serie di rapine in templi sacri in tutta la Macedonia.

Hanno rubato le porte reali, le icone più preziose di Dicho Zograf ... All'interno stavano rompendo troni, sedie ... Tutto è stato rotto e saccheggiato. Sono andato l'anno seguente e sono rimasto stupito - la chiesa era vuota e desolata. Dott. Blaze Smilevski mi ha chiesto se potevo fare la cima dell'iconostasi, non importa come. Ho risposto che l'avrei fatto così come era prima.

Sebbene la scultura fosse molto profonda, Marjan aveva trovato la foto di Angela di diversi anni prima, l’aveva ingrandita, stampata e aveva ricreato la parte dell'iconostasi mancante. È stata messa in chiesa da quest'anno.

A proposito del pezzo che vuole fare e che non ha fatto finora, Marjan dice:

Ci sono molte cose del genere. Dicono che fino a quando una persona ha il desiderio di fare qualcosa che è nel suo cuore e non l’ha ancora fatto, vivrà fino ad allora. Ho così tante cose da fare che non so se mi bastasse questa vita. Una di quelle è la sedia a dondolo, tutta intagliata, realizzata secondo il mio disegno. Mi dondolerò e ci riposerò ...

Ha meditato a lungo sulla sedia a dondolo, ha persino realizzato una stampa appositamente per questo scopo. Sarà sistemata in una piccola casa di campagna, costruita da lui stesso, sulla parte più ampia del lago Tikvesh.

Nella famiglia di Balkan Prime Tours

La famiglia Milevi è composta da Marjan, la moglie Mina e i figli Angela e Goran. Come menzionato nell'introduzione, Marjan è il maestro.

Anche Mina ha imparato a intagliare e nell’intaglio superficiale aveva già superato l'insegnante.

Ha quel gene artistico da suo padre e suo zio. All'epoca, Tito comprava foto da suo zio Ivan Sulev. Dalla lacrima faceva i volti - Incredibile! Mina ha un tale senso di plasticità attraverso l’intaglio superficiale che io non potrei farlo da solo. Sono molto orgoglioso che abbia amato questo mestiere e che siamo insieme in tutto questo ...

Pian piano, trasmettono le abilità artistiche ai bambini. Goran è attratto da un'altra area dell'arte – la grafica e crede maggiormente nella scienza.

Angela, che lavora presso Balkan Prime Tours, è laboriosa, perspicace e piena di amore. Spero che un giorno sarà un degno erede dell’intaglio in legno che sto creando e di ciò che voglio lasciare come eredità alla mia prole.

Vlatko è il nipote dei coniugi, figlio della cugina di primo grado di Mina. Dopo lunghe conversazioni con la famiglia e con Vlatko sullo sviluppo del turismo in Macedonia, è nata l'idea di aprire le porte della casa di Milevi ai turisti.

Abbiamo parlato delle anomalie nell'organizzazione, l’attuazione e l’implementazione della nostra tradizione attraverso le abitudini, i mestieri con caratteristiche specifiche, lo stile di vita e la comprensione della vita. C'è stata una scintilla di speranza, che si è trasformata in un'armonia e organizzazione di attività insieme a Balkan Prime Tours come conducente e organizzatore di tutto ciò, guidato da Vlatko. Se ci fossero altre cento giovani come lui, la Macedonia sarebbe un posto migliore

dice Marjan, aggiungendo che suo nipote lo ha conquistato con l'entusiasmo per lo sviluppo della Macedonia affinché molti turisti la conoscessero, alcuni per la prima volta e internamente nella migliore luce possibile.

Su tale iniziativa, nella parte superiore della casa è stato creato uno spazio per l'esposizione delle opere. Gli ospiti vengono accolti lì e c'è anche una parte speciale – il laboratorio.

Dopo l'annuncio degli ospiti, l'eccitazione e i preparativi per l'accoglienza iniziano nello studio di casa di Milevi. Marjan ammette che non ha bisogno di tempo per prepararsi, mentre sua moglie sì:

Ah ah ah ah (ride). Ha bisogno di più tempo perché si prende cura di ogni dettaglio per il cibo, le bevande, la decorazione dello spazio ... Naturalmente, insieme ad Angela.

Gli ospiti vengono accolti con alcune delle specialità preparate da Mina. Poi guardano le opere esposte. C'è anche un pezzo di legno su cui i turisti possono provare le loro abilità di intaglio. Marjan prima dimostra loro come farlo, poi con il suo aiuto ci provano.

C'era un francese dalla Polonia che non voleva dare lo scalpello agli altri per provare. Ho dovuto chiedergli ...

Gli ospiti sono più affascinati dalla storia della preparazione del legno, da quando risale, come sceglierlo, dalla scelta del motivo da intagliare ...

Dopo che finisco con la presentazione dei pezzi ai turisti, la casa organizza una lotteria e fa un regalino modesto all'ospite più felice.

I turisti, prima di tutto, sono impressionati dal popolo macedone - di buon cuore, generoso, caro. Una nazione con un ricco patrimonio culturale e costumi, attività e mestieri tradizionali in via di estinzione.

Il popolo macedone è pronto ad accogliere chiunque voglia far parte della sua storia. Ogni ospite riceve un piccolo ma prezioso souvenir come ricordo, e questo è il cuore di ogni macedone attraverso un autentico souvenir autentico.

Il souvenir è un medaglione fatto dal legno di ciliegio con un ramo di vite, in cui c’è scritto:

Questo è un ramo del vitigno Kratoshia, uno dei vigneti più antichi del mondo.

Quel ramoscello è appeso a una corda rossa con una maglia tradizionale.

Quel souvenir fa parte della Macedonia, parte della mia anima che sarà presa e diffusa in tutto il mondo. Mi renderà più ricco, più fiero e più felice perché faccio parte di qualcosa di nobile e sacro.

La famiglia Milevi ha sempre amato gli ospiti ed è stata felice di accoglierli.

Una volta che i turisti hanno iniziato ad arrivare, ho iniziato a imparare l'inglese in modo da poterli comprendere meglio e poter trasferire da vicino la mia anima e la conoscenza di ciò che avevo scelto come stile di vita.

Milevi sono pieni quando vedono che molti degli ospiti, che non sapevano della Macedonia o che hanno appena sentito, verranno a sapere da dentro chi sono veramente i macedoni: un popolo piccolo, ospitale e amichevole. Un popolo con un grande cuore.